Grazie, abbiamo ricevuto la tua richiesta.
Puoi iniziare a compilare il modulo.

Se hai necessità di assistenza, puoi cliccare sull’icona di whattsapp per iniziare la chat con il tecnico.

Puoi anche contattarci telefonicamente al 

+ 351 673 31 59

Motivazione APE

Indirizzo immobile da certificare.

Dati Proprietario

Dati Immobile

Dati Impianto

Impianto di Riscaldamento

Se l'impianto di riscaldamento è autonomo, compilare le prossime caselle con i dati della caldaia che troverà nel libretto ( trova delle indicazioni alla fine di questa pagina).
Se l'impianto è centralizzato, inserire i recapiti dell'amministratore di condominio qui sotto ( numero tel e mail). Ci penseremo noi a recuperare la documentazione di impianto.

Impianto produzione Acqua Calda Sanitaria ( se presente)

Impianto di climatizzazione

Altre tipologie di impianto

Dati Fatturazione

Indirizzo Spedizione attestato ( se diverso da indirizzo di fatturazione)

Documenti necessari per il rilascio dell' APE.

1. Dati immobile:

La planimetria catastale rasterizzata va allegata all’APE durante il caricamento sul catasto regionale. Se ce l’hai, allegala nell’apposito r riquadro. Se non ce l’hai, provvederemo noi a scaricarla attraverso il catasto. Se ne desideri una copia necessaria per il rogito, possiamo inviartela insieme alla visura per soli 15€.

– Nel riquadro “Anno di Costruzione” inserire l’anno di costruzione dell’immobile, non di ristrutturazione. Se non si conosce l’anno, indicare un anno presunto.

– Nella sezione infissi, dovrai indicare la tipologia del materiale del serramento ( pvc, legno, metallo…) e la tipologia del vetro ( singolo, doppio, doppio basso emissivo, triplo).   Se si seleziona doppio vetro basso emissivo o triplo vetro, allegare relativa certificazione.

2. Dati impianto riscaldamento.

– i Dati impianto che dovrai inserire sono tutti indicati nel foglio dei controlli che viene rilasciato dal tecnico manutentore. Qui sotto trovi una foto esempio che ti mostra dove trovare tutti i dati necessari.

– Il codice CURIT è il “numero di Targa/targa impianto/codice catasto”  e oltre che sul foglio dei controlli, si trova scritto sull’apposito bollino adesivo CURIT che va applicato sopra la caldaia.

3. Dati impianto ACS ( acqua calda sanitaria)

Se l’acqua calda sanitaria viene prodotta dalla caldaia principale, lasciare in bianco.

Se invece è presente un boiler elettrico, caldaia o scaldabagno, inserire marca e modello dello scaldabagno e l’anno di installazione.

Se non si conosce l’anno, indicare un anno presunto ( non è rilevante ai fini della certificazione, ma va comunque inserito)

4. Dati impianto raffrescamento e altri impianti.

L’impianto di raffrescamento è  l’impianto di climatizzazione estiva.

– Indicare la Marca dell’impianto ( daikin, mitsubishi, samsung,ecc..) e se presente, il modello. Indicare anche anno di installazione, se non si conosce anno preciso, indicare anno presunto.

Indicare inoltre il numero degli split presenti nell’abitazione.

 

– Nella sezione “Altri impianti” indicare la presenza di altre pompe di calore quali Stufe a pellet, Camini, stufe elettriche eccetera.

– Se è presente un impianto solare termico o fotovoltaico, indicare i metri quadrati complessivi della superfice dei pannelli e la potenza emessa in kw, scrivendo tutto nella sezione note.